giovedì 29 dicembre 2016

Il barone von Richtofen


Simulazione di una foto del Barone Rosso  "ricolorata a mano" come si usava allora ma in realtà è un vero ritratto pittorico anche se realizzato non su tela coi pennelli e colori a olio ma il digitale con Photoshop

Il Barone Rosso (RCS)

Disegno realizzato per libro di storia, simulando uno scatto fotografico col barone von Richtofen in posa davanti al suo sgargiante triplano Fokker dr.1.

Ecco la simulazione di una foto autografata, in realtà mai scattata.

Il radar nella battaglia d'inghilterra (personale)

Disegno realizzato per un articolo sull'uso dei primi radar da parte dei britannici nella seconda guerra mondiale per prevenire i  massicci e devastanti attacchi della Luftwaffe.
La costa e la squadriglia di Hurricane della R.A.F. rappresentate sono esattamente quelle realmente esistite.

giovedì 7 gennaio 2016

Cover libri Storia per RCS Media Group



Illustrazioni libri Narrativa per RCS Media Group




venerdì 20 giugno 2014

I PRIMI RADAR

Ricostruzione digitale e matte painting di un raid nazista sulle coste sud-orientali inglesi, uno stormo di Hurricane della RAF si libra in volo allertato per tempo da una postazione radar

Acronimo dell'inglese RAdio Detecting And Ranging, rilevamento e misurazione tramite onde radio, è un sistema elettronico che utilizza radioonde autogenerate per ricavare informazione circa la presenza, la posizione, il moto la configurazione e altre caratteristiche di oggetti circostanti anche nel caso di scarsa o nulla visibilità. Le prime realizzazioni si ebbero in Gran Bretagna e negli USA verso il 1940 grazie ai precedenti studi di H.R. Hertz, N. Tela, G. Marconi. Consiste essenzialmente di un trasmettitore, che attraverso un'antenna direttiva emette treni di onde separati tra loro di qualche millesimo di secondo; un ricevitore, che durante l'intervallo di silenzio tra un treno di onde e il successivo riceve l'eco di ritorno riflessa dall'eventuale corpo incontrato dalle onde nel loro tragitto; uno schermo indicatore (tubo a raggi catodici), che rende visibili gli echi, consentendo al tempo di determinare l'intervallo di tempo tra l'emissione del segnale e il ritorno dell'eco, quindi la distanza del corpo dalla sorgente, le sue dimensioni e la sua velocità.
(http://xoomer.virgilio.it/parmanelweb/radar.htm)